Gold Fingers

Band - Ragusa

GoldFingers

Biografia

“ Eravano 4 amici al bar”….. cosi’ potrebbe nascere il racconto di una straordinaria storia di una band di giovani settantenni. Siamo alla fine degli anni 60 a Ragusa, e sorgono le prime band rock, che si esibivano al Mediterraneo , al cinema La Licata ,al Marino nei The danzanti , nei caffè concerto o nei matinè organizzati dagli studenti.

Erano gli idoli dei giovani di allora. Un bel giorno, era il 1968, 4 di loro decidono di fare il grande salto, con la beata incoscienza dei loro 20 anni. Con una vecchia Austin 1.600 e un decrepito carrellino, e pochi spiccioli in tasca, partono per la Germania. Ricordiamoli: Carlo Napolitano alla chitarra , Mario Santocono al pianoforte , Salvatore Malandrino alla batteria , Leonardo Dotto la splendida voce. Stanno per tornare in Italia sconsolati dopo un esordio poco fortunato, quando per una coincidenza del destino vengono dirottati in Norvegia, dove rimarranno fino al 1971, osannati dalle splendide ragazze nordiche, due delle quali cattureranno per sempre Mario e Salvatore. Faranno da apripista ad una seconda spedizione dei GoldFingers,
con formazione parzialmente rinnovata e a tanti altri gruppi musicali ragusani che negli anni 70 spadroneggeranno con il loro frizzante Rock in Danimarca, in Norvegia, in Svezia, ammirati da stuoli di bellissime ragazze con gli occhi verdi.Si riuniscono a Villa Grassullo 40 anni dopo, e ora, con la vetrina del Premio, in compagnia del giovane ultraottantenne Aldo Tagliarini tornano a realizzare una mitica “reunion “, un po’ come quella dei Pooh tanto osannati, ma con lo spirito, l’entusiasmo e la gioia degli anni che furono, dimostrando che l’amore per la musica e per la vita, quando si accompagna all’umiltà e alla voglia di stare insieme, supera le barriere dell’età. Un bellissimo messaggio per tanti giovani delle nuove generazioni, spesso baciati precocemente dal successo ma presto saliti sopra le nuvole di una vuota presunzione.